Category Archives: Corsi

A maggio brillano le stelle dello Yoga

Nel mese di maggio il programma delle lezioni yoga del Centro Ray,  “Yoga Cosmico” ispirato ai pianeti del sistema solare, fa una piccola digressione. Beh, mica tanto piccola a dire il vero, per ché questo mese seguiremo la sonda spaziale Cassini e ci lasceremo alle spalle il nostro caro vecchio Sole coi suoi pianeti, e ci tufferemo fra le stelle!

Visto che però, come dice il saggio “le stelle sono tante, milioni di milioni” ci concentreremo su quelle che sono probabilmente le più famose di tutte: anche chi, come noi, non sa nulla di astronomia,  conosce e probabilmente sa individuare nel cielo, la costellazione dell’Orsa Maggiore, anche chiamata Grande Carro. Probabilmente inoltre  saprete tutti  che le stelle che la compongono sono sette, ma non molti invece conoscono i loro nomi. In ordine da est a ovest: Dubhe, Merak, Phecda, Megrez, Alioth, Mizar e Alkaid.

Le due più luminose sono Dubhe e Merak che costituiscono il lato destro del Carro e sono dette “Puntatori” perché servono per individuare la Stella Polare, ovvero l’astro che per millenni l’uomo ha usato per orientarsi nella nostra metà del globo terrestre. Grazie alla sua quasi totale immobilità (la sua posizione è quasi perpendicolare al polo terrestre) infatti permette di individuare con certezza dove si trova il Nord.

Va da sé che anche nella tradizione indiana esiste questa costellazione, i cui astri però rappresentano i Saptarsi, i sette veggenti i quali, per rivelazione divina, ”udirono” gli inni della sacra letteratura vedica. Le liste dei sette rsi riportate nella letteratura tradizionale, spesso differiscono fra loro, ma la lista più antica nomina Gotama, Bharadvaja, Visvamitra, Jamadagni, Vasistha, Kasyapa e Atri.

La Stella Polare invece in India è rappresentata da Dhruva, l’incarnazione della forza di volontà e della costanza: la sua leggenda, assieme ad altri aneddoti e curiosità è raccontata nella dispensa mensile che accompagna la scheda con le posizioni Yoga della pratica del mese di maggio. Come al solito, la dispensa e la scheda sono a disposizione di tutti i Soci del Centro Ray.

A proposito di posizioni yoga! gli asana attorno a cui ruoterà il corso Yoga di questo mese saranno la posizione Immobile – ispirata naturalmente a Dhruva e alla Stella Polare – e le posizioni di Visvamitra e di Kasyapa, due dei veggenti appartenenti alla lista dei “magnifici sette”. Il tutto accompagnato da una pratica che vi farà vedere le stelle!

.

Yoga Cosmico: ‘anvedi quanto sei bella!

Il prossimo pianeta che andremo a visitare con il programma Yoga 2019 del Centro Ray dedicato al cosmo sarà quello abitato dalla dea dell’amore, Venere! D’altronde febbraio è anche il mese di San Valentino..che volete farci: siamo dei romantici…

Attenzione, poiché ci aspetta un mese piuttosto intenso, con una pratica Yoga ricca di posizioni eleganti – d’altronde Venere è anche la dea della bellezza – e spesso anche impegnativeÈ bene ricordare però che quando parliamo di posizioni impegnative non significa necessiaramente che siano difficili, né che si debba essere degli acrobati dal fisico statuario per eseguirle. Molti asana dello Yoga, seppur semplici all’apparenza, richiedono molta concentrazione e cura nell’essere eseguiti, sia perché spesso impegnano – appunto – grandi fasce muscolari, sia perché una scorretta esecuzione potrebbe non avere alcun effetto o peggio, recare danno al nostro fisico.

Qualche cenno sul pianeta che ha ispirato la pratica Yoga del mese di febbraio.
Cominciamo con il dire che le corrispondenze fisiche del pianeta Venere sono il collo, la circolazione venosa e i reni, pertanto sarà proprio su queste parti del nostro oragnismo che ci andremno a concentrare.
Venere è il secondo pianeta del Sistema Solare in ordine di distanza dal Sole. È il pianeta più luminoso nel cielo notturno, dopo la Luna, ed è visibile soltanto poco prima dell’alba verso est, e subito dopo il tramonto verso ovest.

Conosciuto già nella preistoria, Venere fu osservato da tutte le culture antiche come simbolo della Grande Madre, principio universale femminile, cui furono dati svariati nomi secondo le tradizioni. Si chiamava Astoreth per i Fenici, Isthar in Mesopotamia, Astarte per i Semiti, Afrodite per i Greci.
Se per le culture occidentali Venere è sempre rappresentata da una donna, non è così invece nell’antica astrologia indiana. Nei Veda infatti, il pianeta Venere è noto come Sukra, ”Lo Splendente”, ma anche come Usanas o Bhargava.

Secondo la tradizione Sukra era figlio di un rsi e divenne il sacerdote delle tribù indigene, Dasya, rappresentandole nelle loro dispute con i sacerdoti Arya più fanatici. Quando i costumi indigeni entrarono in netto contrasto con quelli degli Arii, i sacerdoti richiesero l’intervento degli Dei i quali delegarono Brhaspati a rappresentarli. Seguirono vari scontri con perdite da entrambe le parti, ma i caduti Dasya venivano riportati in vita da Sukra esperto nella scienza della ri-vivificazione, che invece Brhaspati ignorava del tutto.

Altre informazioni sul pianeta Venere nonché sulle posizioni Yoga di questo mese, si trovano nella dispensa a disposizione di tutti i soci del Centro Ray, assieme alla scheda che illustra tutti gli asana della pratica mensile.

 

Yoga Cosmico: un inizio con le ali ai piedi!

Il nuovo anno al Centro Ray inizia con le ali ai piedi! La pratica yoga del mese di gennaio sarà infatti dedicata a Mercurio, il pianeta più piccolo del sistema solare nonché il più veloce di tutti, visto che Mercurio impiega meno di tre mesi per fare un giro attorno al Sole!

Nel corpo Mercurio rappresenta i polmoni, l’intestino, le braccia e le mani, ed è proprio su questi organi che ci concentreremo di più inquesto nuovo capitolo del programma Yoga Cosmico. Altro, per ora non possiamo svelare, ma maggiori informazioni sulla pratica di gennaio si possono trovare, come al solito, nella dispensa che viene distribuita gratuitamente ai Soci, informazioni che vengono ulteriormente arricchite dall’insegnante durante le lezioni.
Di seguito invece, qualche piccola curiosità sul pianeta che ci guiderà nel primo mese del 2019.

Mercurio nella mitologia occidentale

Conosciuto fin dalla notte dei tempi, si parla del 1500 a.C., per Egizi e Greci Mercurio aveva due nomi e la doppia identità di “stella del mattino” e “stella della sera”, questo poiché appare all’orizzonte solo sei volte l’anno, di cui tre poco prima dell’alba e tre subito dopo il tramonto. Per gli Egizi alle due apparizioni corrispondevano rispettivamente Seth, un Dio nefasto che veniva scacciato dalla luce accecante del Sole nascente, e Horus, un Dio benigno associato alla figura del faraone. Nell’antica Grecia, Mercurio era chiamato Stilbon “il brillante” come stella del mattino, e Hermaon come stella della sera. Successivamente tali denominazioni furono sostituite rispettivamente da Apollo e Hermes. Furono invece i Romani ad attribuire al pianeta il nome di Mercurio, il messaggero degli dei, non ché dio del commercio e dei viaggi corrispondente al greco Hermes, probabilmente a causa del suo rapido moto attraverso il cielo. La funzione più importante di Hermes/Mercurio era quella di intermediario fra il manifesto e il non-manifesto, era colui che portava il soffio dell’ispirazione in tutte le sue forme.

Ancora oggi la lettura del simbolo alchemico associato a Mercurio (interpretabile come una luna, un cerchio e una croce, rispettivamente a significare luna, sole e terra) suggerisce il contrasto fra forze opposte che si traduce in equilibrio: rappresenta ad esempio la comunione fra Terra e Cielo (rendendo Mercurio un tramite fra l’umano e il divino) nonché fra maschile e femminile. Anche il caduceo, il bastone attorno al quale sono avvolti due serpenti contrapposti – simbolo del dio Hermes/Mercurio – è la rappresentazione fisica del bene e del male contrapposti ed è fra i simboli più antichi esistenti oltre ad essere la probabile origine del simbolo alchemico di cui sopra.

Mercurio nella mitologia indiana

In india Mercurio è identificato con il Dio Budha. Nel Visnu Purana si racconta che: “All’inizio il Dio della Luna, Soma, era pio, ma poi divenne arrogante e licenzioso. Si invaghì di Tara, sposa del precettore degli Dei, Brhaspati, e la rapì. Seguì una disputa nella quale il sacerdote Usanas, gli antidei e i geni, si allearono con Soma, mentre Indra e la maggior parte degli Dei si schierarono con Brhaspati. Nella tremenda battaglia che seguì la Terra, scossa fin nel suo centro, invocò ad alta voce protezione. Allora intervenne Brahma che costrinse Soma a restituire Tara al marito, la quale diede poi alla luce un figli della Luna; Budha.”